SEGUICI SU FACEBOOK

Prescrizione bollo auto 2013

8 Giugno 2017

Nonostante il pagamento del bollo auto possa essere richiesto entro il terzo anno successivo al mancato pagamento, Equitalia continua a mandare cartelle ed avvisi di accertamento anche quando il diritto alla riscossione è ormai prescritto. Numerose sono le segnalazioni e denunce che giungono agli sportelli delle associazioni a tutela dei consumatori. I cittadini, evidenziano che stanno ricevendo cartelle Equitalia con la richiesta di pagamento del bollo auto relativo all'anno di imposta 2013 comprensive di interessi e sanzioni. La Casa del Consumatore avverte: si tratta di una importi non dovuti in quanto prescritti! Per questa ragione invitiamo coloro che hanno ricevuto a partire da gennaio 2017 una cartella relativa al mancato pagamento del bollo auto, a controllare se si riferisce all'anno 2013. In tal caso si suggerisce di presentare ricorso per ottenere l'annullamento dell'intera cartella.

Attenzione, però, perché nel suddetto periodo si richiede che nei confronti del contribuente non siano stati notificati atti interruttivi della prescrizione, in quanto hanno l’effetto di far cessare il termine facendolo così decorrere nuovamente dall’inizio.

Per ottenere l'annullamento si può presentare la domanda in autotutela anche nel caso in cui i termini per impugnare l’accertamento emesso dalle Entrate siano scaduti.
Si ricorda, però, che l’annullamento in autotutela di un provvedimento è un’azione che cade nella discrezionalità dell’ufficio competente che, infatti, ha anche facoltà di rigettare la richiesta avanzata dal contribuente. Contro la pretesa, quindi, bisognerà fare ricorso dinanzi al giudice tributario (Commissione tributaria), avviando la fase di mediazione.

Dillo alla Casa
Dillo alla Casa
Help Turista
Sportello del turista
L'App del Turista
La Casa Del Consumatore
Sito Nazionale
La Casa Del Consumatore